Terremoto Centro Italia, sindaco di Amatrice avvia demolizione dell’ospedale reso inagibile dal sisma di agosto


Terremoto Centro Italia, sindaco di Amatrice avvia demolizione dell’ospedale reso inagibile dal sisma di agosto Da Il Fatto Quotidiano di - del 15-02-2017 - Attualità

Nel 2014 Sergio Pirozzi aveva minacciato la secessione dal Lazio se fosse stato chiuso come intendeva fare il governatore Nicola Zingaretti. Rischio poi sventato. Ma i 2 milioni di euro stanziati per i lavori di consolidamento della struttura erano rimasti solo sulla carta, così come la manutenzione ordinaria. Ora deve essere ricostruita da zero

L’ospedale Francesco Grifoni di Amatrice, gravemente danneggiato dalle scosse di terremoto della scorsa estate, sarà demolito. Lo ha disposto con un’ordinanza il sindaco Sergio Pirozzi, che pure nel 2014 aveva minacciato la secessione dal Lazio se fosse stato chiuso come intendeva fare il governatore Nicola Zingaretti. Rischio poi sventato. Ma, come raccontato da ilfattoquotidiano.it, i 2 milioni di euro stanziati dopo il sisma dell’Aquila per i lavori di consolidamento della struttura sono rimasti solo sulla carta, così come la manutenzione ordinaria. Con il risultato che il sisma del 24 agosto 2016 lo ha reso inagibile.

Ora non resta che buttare giù quello che, come rivendicava la petizione online lanciata a fine 2013 per scongiurarne la chiusura, era “l’unico ospedale di tutto il Lazio ad essere situato veramente in montagna“, a 955 metri sopra il livello del mare e serviva un bacino di circa 20mila persone che nel periodo estivo salivano a 50mila, di cui il 50% solo ad Amatrice. La petizione continuava ricordando che “la situazione orografica e climatica del territorio (neve e ghiaccio presenti sino a primavera inoltrata)” e “il non completamento degli interventi migliorativi dell’unica strada di collegamento con l’Ospedale di Rieti (SS 4 Salaria)” rende “estremamente difficili i collegamenti verso altri presidi sanitari considerando poi che il più vicino (il De Lellis di Rieti) dista ben 64,8 Km e che il tempo medio di percorrenza è di 1 ora e 8 minuti”.

L’ospedale, stando agli annunci dello scorso novembre, dovrebbe essere ricostruito in un’altra zona della città. L’asl reatina ha ricevuto un risarcimento di 1 milione di euro da Unipol, l’intero massimale previsto dalla polizza contro il rischio sismico. Altri 8 milioni di euro dovrebbero arrivare grazie agli aiuti raccolti con l’iniziativa ‘Adotta un’opera’ avviata dal Comune di Amatrice.



Letta da dispositivo fisso 149 volte. - Da dispositivo mobile 86. Letture Totali 235         Stampa la pagina

Rassegna stampa www.amatriciana.org


TitoloData
Terremoto: si è dimesso il vicesindaco di Amatrice, “la libera professione è incompatibile con l’incarico politico” 20-04-2017
Amatrice, il sindaco: «No ai selfie fra le macerie, mando via chi li fa» 18-04-2017
Terremoto Amatrice: 1 milione a sostegno delle imprese colpite 13-04-2017
Terremoto, Amatrice: un’azienda pugliese dona 21mila euro per il Centro Alberghiero 11-04-2017
Terremoto, ad Amatrice riapre il cinema 11-04-2017
Il principe Carlo in visita ad Amatrice Ma il sindaco non lo accompagna: nella zona rossa quando ricostruita 03-04-2017
Amatrice protagonista di un fine settimana di cultura alimentare e sportiva 28-03-2017
Test su rinforzi antisismici, Enea: muri due volte più resistenti 23-03-2017
Amatrice, le meraviglie perdute 20-03-2017
Amatrice: consegna prime 25 abitazioni. Mons. Pompili (Rieti), “ricostruire sulla roccia della legalità, della coerenza, della coesione e della pazienza” 16-03-2017
Questa sezione è stata visitata 1002620 volte di cui 619669 da dispositivo mobile.