Amatrice, [Intervista] al Sindaco Palombini


Amatrice, [Intervista] al Sindaco Palombini Da L'osservatore d'Italia di Gianpaolo Plini del 27-09-2018 - Attualità

“Il commissario deve avere poteri speciali come a Genova”

L’Osservatore d’Italia, a distanza di un anno dal reportage nella zona rossa colpita dal terremoto del 2016, è tornato ad Amatrice per incontrare Filippo Palombini, neo sindaco dal 4 maggio scorso, che dopo aver raccolto l’eredità di “un grande sindaco” come Sergio Pirozzi, alza la voce sulle modalità delle misure da prendere per la zona terremotata dal sisma del 24 agosto 2016. Palombini si dice “indignato” dalle solite e sterili passerelle di politici. Le comunità del cratere necessitano di “progetti a più ampio respiro”.

Sindaco Palombini, prima di tutto, come sta Amatrice?

Posso essere molto sintetico? Male. È un momento di grande disagio, di incertezza sul futuro perché la vita precaria non fornisce certezze. È questa la situazione attuale.

Lei il 24 agosto scorso, giorno in cui tutti abbiamo riportato la mente ed il cuore al terribile sisma, ha detto che quello era il momento peggiore per gli abitanti di Amatrice che si rendevano conto che ci vuole molto tempo per tornare alla normalità.

Vivere precariamente, senza un progetto per il futuro, è quanto di peggio possa esserci per una comunità che ha bisogno di risposte.

Con una nota divulgata il 22 settembre, lei si diceva indignato per lo stato di immobilismo a cui è ridotta la politica nei confronti dei vostri bisogni. Nel nostro reportage dello scorso anno abbiamo riportato l’indignazione nei confronti delle solite passarelle di politici. Ma non pensa che il messaggio della prima visita del premier Conte sia sinonimo di vicinanza e cosa chiedete riguardo il commissario alla ricostruzione?

Sì, la visita del premier Conte è stata sicuramente gradita e importante come segno di vicinanza, però sono passati ormai 5 mesi, sono troppi. Non vedo decisione nell’affrontare un tema che è di fondamentale importanza.

Proprio per il commissariato alla ricostruzione si fa il nome di Pirozzi nell’area leghista mentre i grillini cercano un nome nella Regione Marche, che ne pensa?

Non credo sia importante discutere del nome quanto del ruolo. A Genova sono stati dati poteri speciali, il Commissario deve avere potere speciali.

Qual è la sua considerazione riguardo la norma sulle seconde case approvata dalla Regione e pensa anche lei, come l’ex sindaco Pirozzi, che dovrebbe essere diminuito il numero di comuni del cratere?

Sicuramente, dal primo giorno di questa vicenda che ci ha colpito, diciamo che tutti i comuni nei quali la ricostruzione deve partire dalle strutture e dalle infrastrutture sono diversi da quelli che hanno avuto danni di altro tipo. Sulle seconde case, va concordata la applicabilità della legge con il Ministero dei Beni Culturali innanzitutto. Poi ritengo che possa aiutare qualcuno ma che non risolva il problema. Abbiamo bisogno di progetti di più ampio respiro per tornare ad abitare questi luoghi.



Letta da dispositivo fisso 43 volte. - Da dispositivo mobile 2. Letture Totali 45         Stampa la pagina

Rassegna stampa www.amatriciana.org


TitoloData
Terremoto, il Mibac visita le zone del centro Italia 15-10-2018
Terremoto: Pirozzi, il nuovo commissario dia priorità ai comuni colpiti dalla distruzione 08-10-2018
Amatrice, [Intervista] al Sindaco Palombini 27-09-2018
Terremoto, Pirozzi: Lazio prima regione ad approvare la norma sulle seconde case 21-09-2018
Terremoto, sindaco di Amatrice: la nostra terra ha tanto da fare 05-09-2018
Sagra degli Spaghetti all’Amatriciana – dal 31 agosto al 2 settembre 2018 30-08-2018
Amatrice, la Casa del Futuro sarà luogo di rinascita e innovazione 31-07-2018
Regione: lunedì parte la rimozione delle macerie nel centro storico di Amatrice 20-07-2018
Terremoto, sindaco di Amatrice: le Sae sono dello Stato, no alla consegna ai comuni 16-07-2018
Regione: approvate le delibere per la ricostruzione di Preta e Petrana 12-07-2018
Questa sezione è stata visitata 318316 volte di cui 638809 da dispositivo mobile.