AMATRICE LA PORTA DEL PARCO

Polo Agroalimentare:

P.zza San Francesco - 02012 Amatrice (RI)
Tel e Fax: 0746/824519
Il sito ufficiale del: PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA

Polo Agroalimentare di Amatrice Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga

googlemap  Guarda la foto satellitare con GoogleMap


Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Più a Sud dei Monti Sibillini, oltre le gole scavate dal fiume Tronto, si ergono i Monti della Laga che costituiscono il settore più settentrionale del Parco Nazionale che comprende anche il massiccio montuoso del Gran Sasso.
Istituito nel 1995, il parco ha una superficie di 150.000 ettari che lo fanno uno dei parchi più grandi d'Italia, tre regioni, cinque province e 44 comuni.
Tre gruppi montuosi - oltre che alle sopracitate catene montuose del Gran Sasso d'Italia, (vetta dell'Appennino con i 2912 metri del Corno Grande) e il Massiccio della Laga troviamo i Monti Gemellie e la presenza del ghiacciaio più meridionale d'Europa (il Calderone).
Uno scrigno di ricchezze naturalistiche e storico architettoniche.
La varietà del paesaggio, dolomitico quello del Gran Sasso, ricco di fiumi e cascate quello della Laga, e la notevole biodiversità, 2600 specie arboree e rare specie animali tra cui il simbolo del parco, il camoscio d'Abruzzo, recentemente reintrodotto, fanno di questo parco un ambiente cruciale per la difesa della natura.



LA FAUNA E LA FLORA

La natura geologica condiziona la morfologia di queste montagne, le cui cime si presentano più arrotondate, con numerose valli incise e profonde e circhi glaciali.
La costituzione marnoso-arenacea fa sì che l'acqua scorra impetuosa in superficie, raccogliendosi in ruscelli, torrenti e fiumi, che precipitano a valle formando decine di splendide e suggestive cascate.
In queste montagne a bassa densità abitativa, vive una numerosa fauna selvatica, di grande interesse se consideriamo che qui vive il lupo appenninico e l'Orso bruno marsicano lascia spesso tracce del suo passaggio, comunque la specie faunistica più interessante del parco è rappresentata dal camoscio che dopo cento anni è tornato grazie ad un progetto di reinserimento cominciato con un nucleo di circa 50 individui.
Nel territorio del parco vivono più di 2.000 specie di piante, tra le quali il giglio, la stella alpina, diverse orchidee e numrose altre fioriture spontanee.
Da segnalare anche i boschi del raro abete bianco e di alcuni nuclei di betulla.


IL POLO AGROALIMENTARE DI AMATRICE

Ad Amatrice è situato il Polo Agroalimentare del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.
La sede è lo splendido complesso di San Francesco, restaurato con un accordo tra Parco, Comune e Soprintendenza. Polo Agroalimentare San Francesco L'intervento di recupero, condotto con competenza, è riuscito a coniugare valore storico-artistico della struttura con le esigenze tecnico-culturali dei servizi offerti dal parco.
L'ente Parco con il Polo Agroalimentare ubicato ad Amatrice che è uno dei comuni a maggiore vocazione agricola del parco, famoso per la sua tradizione culinaria, intende favorire la salvaguardia di paesaggi agrari e delle produzioni nel parco.
Creato per valorizzare le numerose possibilità di un territorio dove l'"Atlante dei Prodotti tipici dei parchi italiani" ha censito una ricchezza agro-zootecnica che si aggiunge al tradizionale valore naturalistico, paesaggistico e storico espresso da un'area protetta.

PER SAPERNE DI PIU' CLICCA QUI'


Questo documento è stato letto 12932 volte di cui 93 da dispositivo mobile.