Amatrice: inaugurata l'area del gusto, della tradizione e della solidarietà


Amatrice: inaugurata l'area del gusto, della tradizione e della solidarietà Da Il Giornale di Rieti di - del 31-07-2017 - Attualità

Martina annuncia: «È nostra intenzione candidare la tradizione amatriciana a patrimonio Unesco»

«Questa da oggi sarà l'area del gusto, della tradizione e della solidarietà». Da queste parole, dette dal sindaco Sergio Pirozzi, Amatrice riparte con la frazione San Cipriano che da oggi ospita otto dei ristoranti distrutti dal sisma del 24 agosto 2016. Tante le presente all’inaugurazione del Polo della Ristorazione tra cui il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina.

«Oggi – ha detto - era importante essere ad Amatrice, per dire innanzitutto grazie ai tanti cittadini che hanno contribuito e per continuare a dare una mano a costruire passo dopo passo il futuro di queste comunità e di queste terre straordinarie».

«Abbiamo completato i pagamenti degli aiuti diretti straordinari aggiuntivi per oltre 3800 agricoltori e allevatori delle terre colpite, per un impegno totale di 28 milioni di euro - ha sottolineato -. Nel contempo stiamo seguendo il progetto del riconoscimento dell'amatriciana come specialità tradizionale garantita (Stg) e oggi possiamo anche informare che è nostra intenzione candidare la tradizione amatriciana a patrimonio Unesco nell'ambito degli obiettivi del 2018, anno che come governo abbiamo voluto dedicare al cibo italiano».

Prima di lui, l’intervento dell’architetto Stefano Boeri, progettista dell'intera area: «Siamo felici, è come se l'Italia abbracciasse Amatrice. Il legno utilizzato in queste strutture arriva dal Friuli, le imprese che hanno lavorato qui arrivano da tutta Italia, i ragazzi del mio studio da diversi paesi europei».

«È un momento bellissimo - ha aggiunto - abbiamo costruito tutto questo spinti da una grande energia e non posso non ringraziare le famiglie che hanno creduto nell'iniziativa promossa da Rcs e La7».

Per il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, questa «è una bella storia italiana. Qui ci sono le persone che hanno sottoscritto e contribuito a realizzare un progetto, un grande gruppo editoriale che ha lanciato una sfida di solidarietà e un grande architetto che ha disegnato tutto questo».

Zingaretti, che ha lungamente dialogato prima dell’intervento con decine di amatriciani presenti all’inaugurazione, ha aggiunto: «siamo quasi tutti i giorni ad Amatrice ed Accumoli soprattutto ad inaugurare opere. Oggi l'Area Food, nei prossimi giorni per altre casette a breve saremo di nuovo qui per l'area commerciale. È un segnale di grande speranza perché stanno tornando le persone e possono tornare i turisti. Stiamo dimostrando - ha concluso Zingaretti - che si può fare, è dura ma possiamo farcela. E questo è il messaggio più bello».

«È un grande momento per la nostra comunità. – ha concluso Sergio Pirozzi - I ristoranti sono la nostra eccellenza e questi sono i giorni più belli degli ultimi mesi».



Letta da dispositivo fisso 48 volte. - Da dispositivo mobile 29. Letture Totali 77         Stampa la pagina

Rassegna stampa www.amatriciana.org


TitoloData
Terremoto: ad Amatrice apre il Pastificio Strampelli 04-08-2017
Mattarella: «La ricostruzione non si fermerà, lo Stato farà la sua parte» 02-08-2017
Da Amatrice la medaglia della rinascita, simbolo di ricostruzione e di futuro 01-08-2017
Amatrice: inaugurata l'area del gusto, della tradizione e della solidarietà 31-07-2017
Ospedale Grifoni, dal territorio il grido d’allarme 26-07-2017
Terremoto Amatrice, come all'Aquila c'è imprenditore che ride pensando ai futuri affari 20-07-2017
Rieti, Amatrice: aiuti alle imprese Pirozzi: «La Contea muove i primi passi per ripartire» 18-07-2017
Sergio Pirozzi vs don Sante Paoletti: dialogo a lettere aperte. 14-07-2017
Amatrice, la desolazione a quasi un anno dal sisma: "Ci hanno abbandonati" 12-07-2017
Rai2, Sorgente di vita: un segnale di speranza a Scai, frazione di Amatrice 10-07-2017
Questa sezione è stata visitata 1296185 volte di cui 622846 da dispositivo mobile.